Fallacie e comunicazione online

schermata-2016-10-15-alle-12-18-29

Da qualche mese sto lavorando su un testo (ho superato la metà strada, mi sento finalmente abbastanza sicura per raccontarne qualcosa) su “come smontare le bufale in classe”, ed esempi e strumenti di dialettica 2.0.  Continua a leggere

Annunci

Direzioni. Dove va l’editoria, dove va la scolastica.

Un luglio ricco di stimoli, un dibattito che lungi dal diminuire per ferie lascia presagire un lavorìo preparatorio di nuove attività e proposte per la prossima stagione scolastica, almeno per chi voglia cogliere certi segnali con un discreto ottimismo.  Continua a leggere

Coperture

Ennesima proposta per l’abbassamento dell’IVA sugli ebook, contenuta nel Decreto Legge Cultura e Turismo, la cui discussione Venerdì scorso è stata però rimandata. Su Tafter una prima analisi, da cui è possibile anche risalire alla proposta originale.

Che poi io mi chiedo, perché al 10% come ristrutturazioni edilizie, zucchero, marmellate trasporti (e altro ancora) e non 4% come libri e giornali, lenti a contatto, frutta secca farina e cereali (e altro ancora)?
E ancora, le app sono libri?

Se Maria Montessori avesse insegnato in cloud

In partenza per il Salone Internazionale del Libro di Torino.

Oggi è giorno in cui si allestisce lo stand (Padiglione 2, area book to the future, stand k151). Sono affascinanti i momenti subito prima dello spettacolo: portare pacchi e scatole (grazie al cielo non piove), preparare il materiale, studiare i vicini, stringere mani. Cercare di intuire tutti i piccoli inconvenienti che si proporranno nelle cinque giornate seguenti. Che, in quanto inconvenienti, non hanno intenzione alcuna di essere programmati.  Continua a leggere

Uno nessuno centomila. Dell’apprendimento e della scuola, e della loro via non sempre comune

Da qualche mese a questa parte porto avanti nel tempo libero un viaggio personale nel mondo della scolastica elettronica incontrando alcuni docenti artefici (o più spesso vittime) di sperimentazioni digitali; per capire, toccare con mano a che serve e capire dove si sta andando, se mai ci fosse una meta condivisa.  Continua a leggere