Direzioni. Dove va l’editoria, dove va la scolastica.

Un luglio ricco di stimoli, un dibattito che lungi dal diminuire per ferie lascia presagire un lavorìo preparatorio di nuove attività e proposte per la prossima stagione scolastica, almeno per chi voglia cogliere certi segnali con un discreto ottimismo.  Continua a leggere

Da qualche parte nel mondo c’è una ragazzina che mi scrive messaggi.

Da qualche parte nel mondo c’è una ragazzina che mi scrive messaggi.

Ciao come state, quando vieni a trovarci, ti aspetto, mi manchi.

E’ una ragazzina con una vita non facile, affrontata con un pieno di ottimismo, spensieratezza e spericolatezza dell’età: qualsiasi cosa accada, stiate sicuri che farà di tutto per divertirsi. Continua a leggere

Cinque elementi a vantaggio degli ecommerce di contenuti culturali

«Il guaio di farsi una cultura è che il processo richiede molto tempo,
 ti brucia la parte migliore della vita, e quando hai finito
 l'unica cosa che sai è che ti sarebbe convenuto di più fare il banchiere»

Philip K. Dick,  La trasmigrazione di Timothy Archer

 Dopo la breve introduzione sulle caratteristiche di chi compra cultura on line in Italia, ecco una parentesi un po’ più pragmatica su alcuni elementi che agevolano il commercio on line di contenuti culturali rispetto ad altri settori.

E’ nelle mie corde lo ammetto: sto approfondendo le mie competenze in materia di ecommerce perché mi piace proporre contenuti a carattere culturale, e di conseguenza trovare metodi per sostenerlo economicamente. Ma trovo che chi se ne occupa professionalmente abbia opportunità particolari tutte da valorizzare.  Continua a leggere

Lavorare con dolcezza

figlibnOgni tanto mentre guardo i miei figli e penso al lavoro, guardo al lavoro e penso ai miei figli, mi chiedo quale sia, come possa costruire, la giusta via fra questo che faccio e loro che sono.

Ogni tanto mi chiedo quanto questo essere efficienti, efficaci -negare il loro pensiero- lavorare per raggiungere il risultato prefissato attraverso tappe stabilite, nei tempi e modi dovuti: essere brillante e parlare razionale, possa farmi mettere da parte quella che è la mia cifra nel mondo, la parte bella di me che vorrei curare.

Continua a leggere

Simulazioni di colloqui di lavoro all’Università di Genova

Ieri mattina ho partecipato a un iniziativa dell’Università di Genova, tenendo alcune simulazioni di colloquio con laureati/laureandi in discipline umanistiche.

E’ stato per me interessante poter parlare di ciò che si studia e si fa all’università, in un contesto semi-formale dove l’obiettivo era il confronto e la conoscenza, e l’ansia da colloquio (leggermente) più tenue.  Continua a leggere