La spada dei DRM per combattere la pirateria?

Girovagando per il web trovo questo sito che difende e documenta il ‘dilagare di massa della pirateria digitale, analizzando le tecniche che questa usa, per evidenziare la futilita’ dei tentativi di contrastarne la diffusione‘. L’autore ha anche scritto un libro, ‘La Baia dei pirati’, Luca Neri, Cooper Roma 2009. Troppo pigra per cercarlo, me lo dovrò comprare.

Faccio parte della schiera di chi rifugge i DRM (penalizzano chi compra legalmente a discapito di chi scarica gratis, non credo sortiscano effetto alcuno sulla pirateria, tranne quello di arricchire le tasche di qualcun altro, vengono bene a chi commercia un tipo particolare di ebook reader con libreria annessa, specificando che solo con quel loro particolare prodotto i lettori potrebbero leggere determinati testi, ostacolando la libera diffusione dei contenuti). Però i ‘pirati’ non mi stan simpatici: fra i vari fattori che influenzano il costo di un ebook c’è il fatto che per pagare spese autori e cose varie devo tener conto di previsioni di vendita, che spingono il costo del singolo ebook verso l’alto, ancora una volta a discapito dell’onesto acquirente.

Che fare?

Il lampo di genio -da bambina che ha trovato il barattolo di marmellata nascosto nel ripiano più alto della dispensa- è quello di chiederlo ai pirati stessi, e all’autore del libro, se esiste un modo di uscire da questa fastidiosa spirale, e che ne pensino loro del diritto dell’autore di essere retribuito e alle spese di venir saldate. Voi che scaricate a babbo, che possiamo fare per venirci incontro, se esiste un punto di incontro?

Naturalmente, visto che son prolissa e distratta, a metà di questo post scopro che l’idea non è nuova, qualcuno ne ha parlato oggi e hanno addirittura scritto un tomo di cinquecento pagine sul tema, scaricabile gratuitamente in .pdf.

E adesso i libri da leggere son diventati due…

PS l’immagine è rubata in rete

One thought on “La spada dei DRM per combattere la pirateria?

  1. Bisogna fare come hanno fatto gli sviluppatori del gioco world of goo per festeggiare il primo anno di vita della loro creatura, hanno messo l’opzione “fai tu il prezzo” e gli utenti li hanno premiati… c’è da dire che anche a prezzo pieno ha venduto molto semplicemente perchè ha un prezzo ‘giusto’ solo 20$ (per darti un idea:http://next.videogame.it/world-of-goo/81857/ o ancora meglio http://www.rockpapershotgun.com/2009/10/20/world-of-goo-sale-provides-fascinating-results/ ). se ricordi l’avevano fatto anche i radiohead se nn sbaglio….. quindi alla fine della fiera il discorso è sempre lo stesso bisognerebbe avere prezzi più ‘umani’…… anche se sicuramente una parte di persone continuerebbe a scaricare impunemente….
    non sarebbe male neanche pagare un tot all’anno (tipo 20 euro) e poi poter scaricare tutto ciò che si vuole, avendo (se possibile eh!) già coperto i diritti d’autore… oppure (come già fà ora la siae) tassare cd e dvd in modo da coprire i diritti.. almeno io la vedo così… ( in realtà l’ideale sarebbe vivere in norvegia dove lo stato riconosce il diritto alla conoscenza e para le ciapét a chi scarica con questa norma….)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...